Cos’è?

Il cyberbullismo è quella forma di bullismo che avviene grazie all’uso delle nuove tecnologie dell’informazione e della comunicazione. Tali tecnologie fanno uso di dispositivi e apparecchiature quali telefoni cellulari, computer e tablet, nonché strumenti di comunicazione, compresi i siti di social media, messaggi di testo, chat e siti web. Esso ha lo scopo di tormentare, minacciare o intimidire colui che ne è vittima: infatti, la vittima (identificata dal “bullo” come persona debole) è soggetta ad insulti che avvengono con l’uso di supporti elettronici.

IMG_1245 - Copia (2)

 

Esclusione : escludere deliberatamente una persona da un gruppo online per provocare in essa un sentimento di emarginazione: molestie e denigrazioni ripetute e minacciose mirate a incutere paura,
Flaming : messaggi online violenti e volgari mirati a suscitare battaglie verbali in un forum;
Molestie (harassment): spedizione ripetuta di messaggi insultanti mirati a ferire qualcuno;
Denigrazione : sparlare di qualcuno per danneggiare gratuitamente e con cattiveria la sua reputazione, via e – mail, messaggistica istantanea, gruppi su social network, etc;
Sostituzione di persona (impersonation): farsi passare per un’altra persona per spedire messaggi o pubblicare testi reprensibili,
Inganno (trickery) I: ottenere la fiducia di qualcuno con l’inganno per poi pubblicare o condividere con altri le informazioni confidate via mezzi elettronici.

 

IL CYBERBULLISMO E LE DIFFEDENZE TRA IL BULLISMO TRADIZIONALE

IMG_1245 - Copia (4)

 

 

Di seguit, il PDF:

http://www.unsasso.it/immagini/Cyberbullismo_differenze.pdf

 

 

 

 

 

LINEE DI ORIENTAMENTO PER IL CONTRASTO AL BULLISMO E AL CYBERBULLISMO

IMG_1245 - Copia (3)

 

Di seguito, il PDF:

http://www.istruzione.it/allegati/2015/2015_04_13_16_39_29.pdf